Corona Virus, la natura urla: fermatevi

CORONA VIRUS: LA NATURA URLA: FERMATEVI!

Ci siamo fermati tutti.
Le città sono fantasmi silenziosi e noi in questo silenzio al quale non siamo piú abituati, dobbiamo fare i conti con il frastuono che c’è dentro di noi.
Riflettiamo sulle nostre paure, sui nostri errori, sui nostri liti.

Nonstante tutto, rimaniamo fermi a riflettere  sul nostro senso di onnipotenza messo in ginocchio da un qualche cosa di enormemente piú piccolo del nostro Ego.

Guarda il video YouTube:

CORONA VIRUS:
QUANDO LA NATURA CI OBBLIGA A FERMARCI

Finalmente ci troviamo a fare i conti con la noia ed in quella noia, per mantenere il cervello attivo e vivere questo momento con serenitá, ci riinventiamo.

CORONA VIRUS
I libri che non avevamo letto, i piaceri che abbiamo procastinato, le cose che non avevamo piú fatto.

Cuciniamo il pane, facciamo torte, riempiamo di attenzioni il nostro partner.

Vhiudiamoci sotto le coperte a guardarci la serie TV che non avevamo interrotto…tutta di fila, come un barattolo di Nutella.

Ci sará tanto da riprogrammare ma intanto, riprendiamo possesso del  bambino che abbiamo dentro di noi e che probabilmente abbiamo sedato.

Diamogli vita perché sarà lui il motore di Ri-partenza. La sua curiositá, la sua esperienza, la sua gioia di vivere.

CORONA VIRUS: LA NATURA URLA: FERMATEVI!

La natura ci ha dato indietro un tempo che avevamo dimenticato e mentre  cala lo smog, cala anche il silenzio.

In quel silenzio  siamo costretti a riflettere sul nostro agire.

Un agire che nel momento della ri-partenza, dovrà essere testimone di un cambiamento radicale dei nostri modi di comunicare con noi stessi e con il prossimo.

Una ri-partenza che sarà presa di coscienza dei nostri limiti, delle nostre paure, dei nostri sentimenti.

Daremo valore a tutti quei sogni che abbiamo procastinato e daremo valore al nostro vivere quotidiano.

#coronavirusitalianews
#coronavirus
#coronanews #coronavirusitaly#pandemia #pandemiacoronavirus#iorestoacasa❤️ #iorestoacasa🏡#artigianodelleemozioni #infotainer#mentalista #stupire #comunicare#educare #motivare#momentodicrescita

IL MONDO DELLA DISABILITA: PERCEZIONE DELLA REALTÀ

IL MONDO DELLA DISABILITÀ: PERCEZIONE DELLA REALTÀ

Quando vediamo qualche cosa di diverso da noi, lo percepiamo sovente come un pericolo. Abbiamo sempre paura di quel che reputiamo diverso da noi.

Lo percepiamo come un ostacolo al nostro cammino, al nostro tempo che viene rallentato.

Insomma, vediamo la diversità come qualche cosa che ostacola il nostro cammino.

 Appena la incontriamo non la vediamo o al contrario mettiamo in atto il pietismo e di conseguenza non rispettiamo lo spazio vitale che è diritto di tuttidisabilita

IL MONDO DELLA DISABILITÀ: PERCEZIONE DELLA REALTÀ

Fino ad alcuni anni fa, la disabilità veniva vissuta all’interno della propria abitazione, si aveva paura del giudizio e del pregiudizio dei normodotati all’esterno.

Naturalmente, con il passare del  tempo, sono cambiate le regole del gioco.

I disabili hanno iniziato ad entrare con forza nel mondo del lavoro.

Sono state fatte leggi speciali per  tutelare i diritti della persona disabile, per ri-dare ad essa la giusta dignità.

Con le Olimpiadi degli ultimi 10 anni,  sono arrivate anche  paraolimpiadi.

Quel mondo rimasto troppo tempo sopito, nascosto, mascherato, è uscito fuori con forza.

Come diceva la Navratilova, la disabilità è solo una percezione sbagliata perchè finanche una persona potrà fare qualche cosa di utile, sarà sempre necessario a qualcuno.

IL MONDO DELLA DISABILITÀ: PERCEZIONE DELLA REALTÀ

E allora i disabili, con forza, si sono creati spazi nella società, hanno cambiato il modo di essere percepiti e accolti.

Molte barriere mentali dell’uomo normodotato, hanno però  continuato a creare una discriminazione senza tregua.

Il diverso mette paura!

Chi delibera leggi, regolamenti per il vivere comune, non pensa a quello stesse leggi applicate a chi ha delle difficoltà cognitive, fisiche, e mentali.

Come se i disabili non esistessero.

Oggi sul territorio ci sono diverse Onlus che operano per far si che queste barriere vengano eliminate.motiva

Il percorso è lungo, molto è stato fatto, molto ancora da fare.

I guerrieri, i genitori, i volontari, i disabili stessi, i coordinatori e gli operatori dei centri, non si arrendono.

È necessaria consapevolezza, un’azione gestita dal cuore, senza pietismo ma  attenzione, rispetto, ascolto e tanto altro.

In questa interessantissima intervista, Giovanni Ferrero, Direttore della CPD ONLUS di Torino, ci racconta il passato, il presente ed il futuro del mondo della disabilità.

La realtà è che c’è  ancora molto  da fare.

I  sogni e i progetti che sono in ballo e che presto, abbatteranno le barriere create dalla mente dei normodotati disabili sono in azione, per ridare giusta dignità a tutte le persone, senza distinzione di razza, cultura, provenienza di vivere, in una società accessibile a tutti.

disabilità

RICHIEDI UN PREVENTIVO

Le interviste di Gianvito Mentalista: Felice Tagliaferri (scultore cieco)

LE INTERVISTE DI GIANVITO, MENTALISTA

prendono vita a Genova, il 24 ottobre 2019 con un incontro meravigliosamente unico con una persona speciale, Felice Tagliaferri, scultore cieco andato alla ribalta per aver riprodotto il Cristo Velato.

LO SCULTORE CIECO

Incontro Felice Tagliaferri a Genova, il 24 Ottobre, dove vengo chiamato per la Convention Nazionale Acmi (Diamo credito a Genova) con il mio spettacolo di mentalismo motivazionale “Vedo, sento, parlo, magic azioni per sorridere alla vita”.

Felice  racconta il suo percorso artistico, che inizia a 25 anni.

A 14 anni perde la vista e come dice lui, diventa un adolescente incazzato con il mondo.

Lo incontro in compagnia del suo cane guida, un bellissimo Golden Retrivier di nome Freedoom.

Nel 2008 Felice si trova a Napoli per una sua mostra, decide di andare “a vedere” il Cristo Velato.

Paga 5 euro il biglietto ed essendo il tatto, l’unica senso che Felice  può utilizzare per capire l’opera, gli viene negata la possibilità di toccare il Cristo velato.

Felice è dell’opinione, che io condivido, che l’arte è patrimonio del mondo.

Visto che nel mondo ci sono 35 milioni di non vedenti, l’arte diventa un patrimonio di una piccola  fetta di mondo.

Esce molto arrabbiato da quel non incontro.

Contatta il museo Omero,  il museo tattile statale con il quale collabora da diversi anni.

Acquista un blocco di marmo di 4 tonnellate.

Si fa descrivere l’opera del Cristo velato cm per cm.

Come lui afferma, chi vede guarda l’insieme poi si ferma al dettaglio, chi non vede riconosce l’insieme partendo dal dettaglio.

Crea un piccolo bozzetto in creta e nell’arco di due anni realizza il Cristo Ri-velato che fino ad oggi è stato toccato da più di 500.000 persone.

Intervista a Felice Tagliaferri, lo scultore cieco

Percorso artistico e umano dell’artista

Un esperimento di Mentalismo a Felice Tagliaferri

Il cristo Ri-velato viene  benedetto dal Papa.

Attualmente è esposto a Bertinoro,  in provincia di Forlì (Cesena) in una scuola elementare.

A Marzo l’opera si sposterà  a Pisa per un mese e da fine Aprile sarà a Parma a 2020, città della cultura.

Come tutte le sculture, dice Felice Tagliaferri, guardare un’opera percepisci il 50%.

La scultura va toccata, perchè sotto il velo c’è un corpo e attraverso l’esperienza tattile puoi capire la bellezza dell’opera.

Intervista a Felice Tagliaferri, lo scultore cieco

Il percorso artistico e umano dell’artista

La  fortuna di Felice è nella sua passione per il Judo.

Quando a 14 anni perde la vista la disciplina del Judo lo aiuta ad affrontare la nuova vita con lo spirito da guerriero.

A 25 anni, incontra  uno scultore docente dell’Accademia di Brera.

Felice frequenta i suoi corsi per comprendere come un non vedente possa scolpire.

Dopo il corso capisce che poteva dar forma alle sue immagini interiori.

Prende per il bavero il docente e per due anni gli chiede di entrare in bottega.

Da li inizia la nuova vita di Felice Tagliaferri.

L’intervista a Felice Tagliaferri, lo scultore cieco

La presentazione di alcune sue opere

RICHIEDI UN PREVENTIVO

MENTALISTA E INFOTAINER: INTRATTENIMENTO, MOTIVAZIONE, RIFLESSIONE.

E’ un periodo questo dove si parla di sogni e  di cambiamento.

Stiamo vivendo un momento estremamente delicato della nostra vita,  economica e sociale che si riflette nell’ambito personale e professionale.

Ci sentiamo instabili, insicuri, indifesi.

Vorremmo dare una svolta concreta alla nostra vita,  ma non troviamo il coraggio. Abbiamo solo  banali scuse che offuscano i nostri sogni, che ci  impediscono di vedere al di là della  mano che portiamo davanti agli occhi.

Nei contesti aziendali e negli eventi privati dove, in qualità di Mentalista ed Infotainer sono  chiamato ad operare, viene richiesta una corretta alchimia per:

  • Intrattenere (creando un momento di leggerezza e allegria)
  • Motivare (in una fase di cambiamento interno, di un obiettivo da raggiungere o di un momento dov è necessario creare spirito di appartenenza).
  • Riflettere, perchè attraverso un gioco si può far divertire il proprio pubblico. Far divertire il proprio pubblico utilizzando un potente story telling,  permetterà di metabolizzare un messaggio importante,  messaggio che  si sedimenterà nella mente dello spettatore in maniera più efficace e coinvolgente.

MENTALISTA ED INFOTAINER: INTRATTENIMENTO, MOTIVAZIONE E RIFLESSIONE

Le ultime due convention, dove sono stati richiesti i miei personali servizi di consulenza artistica e motivazionale, viaggiavano su due diverse necessità e obiettivi finali.

Convention Hitachi: l’azienda, come tante altre sul territorio, sta arrivando alla fine dell’anno.

Si  fanno i conti con gli obiettivi raggiunti e quelli che si dovranno raggiungere nel 2019.

Due giornate di lavoro di aula estremamente delicate e faticose a livello mentale e fisico.

Si discute, si condivide, si pianificano modalità diverse di azione, si analizzano i dati cercando di dar loro la giusta interpretazione per eliminare ogni nebbia dal futuro.

MENTALISTA E INFOTAINER

Inizialmente mi viene richiesto uno speach motivazionale l’ultimo giorno, al termine della  cena.

Condividendo la reason why dell’evento, comprendendo la stanchezza fisica e mentale dei presenti, suggerisco un intervento leggero. La mia intenzione è quella di dimostrare, tra un prestigio  e l’altro,  che Impossibile è una parola che ostacola i nostri sogni. Decido di far leva su due story telling legati al senso di appartenenza.

Passo all’azione, permettendo a tutti presenti di divertirsi e rilassarsi, e allo stesso tempo, di motivarli e farli riflettere attraverso degli story telling potenti.

Questo è una testimonianza di due ospiti, Stefano e Carlo.

MENTALISTA E INFOTAINER: INTRATTENIMENTO, EMOZIONE E RIFLESSIONE

Discorso diverso invece è stato impostato per lo spettacolo “FINANZA, REALTA’ O ILLUSIONE”,  scritto per ANASF Italia e presentato alla Sala dei 100, presso il Palazzo Carisbo, all’interno del mese di Ottobre, dedicato al mese dell’educazione finanziaria.

Uno spettacolo scritto apposta per i consulenti finanziari e i loro clienti, per far comprendere che al giorno di oggi, per tutelare un patrimonio, per far si che questo cresca e  tuteli il futuro nostro e dei nostri cari, è necessario uscire fuori dalle trappole mentali che la vita quotidiana ci presenta.

mentalista e infotainer

E’ necessario giocare sul piano emotivo dell’ascolto, tornare bambini, con quella voglia curiosa di scoprire i meccanismi della finanza e dei propri investimenti, attraverso una chiave più semplice di lettura.

Intrattenimento, emozione e riflessione

È necessario avere fiducia, prima di se stessi e poi di coloro ai quali affidiamo i nostri risparmi. Dobbiamo fare nostro il concetto di diversificazione e avere rispetto del tempo, quel tempo necessario per raggiungere i nostri obiettivi, quegli obiettivi che si trasformano in sogni, che quando realizzati ci rendono felici.

Felicità è la chiave di volta dello spettacolo , perché quello è l’obiettivo di tutti i risparmiatori.  La felicità passa attraverso la conoscenza, la consapevolezza, la fiducia, il rispetto del tempo.

Una serata ad ingresso gratuito che ha visto la sala dei 100 del Palazzo Carisbo di Bologna, piena.

Un pubblico attento, perché venuto apposta per l’argomento. Un pubblico che aveva voglia di divertirsi, ma allo stesso tempo di riflettere e comprendere che tal volta, è veramente necessario tornare bambini per capire concetti apparentemente complicati, e dopo aver capito, tornare adulti e fare tesoro di questa conoscenza per metterla in pratica.

Infotainer e Mentalista: per intrattenere, motivare e riflettere,

il video che segue, spiega in maniera esaustiva, perché questo spettacolo andrebbe visto.

Semplificate messaggi complessi, rimanete in ascolto dei vostri clienti ed interlocutori. IL cliente non comprerà mai il prodotto, ma comprerà te, che vendi un prodotto.

RICHIEDI UN PREVENTIVO

Amore e dolore

AMORE E DOLORE

A volte la gioia
passa attraverso il dolore e viceversa.
Provare dolore non vuol dire morire
vuol dire anche amare,
ma in questo mondo virtuale non c’è più spazio
per usare la parola dolore.
Se amore e dolore
sono ai due estremi
cosa realmente rimane,
li nel centro,
in quell’equilibrio
punto di arrivo
punto di mezzo
di tutto il resto della vita che scorre
che ci sbatte a destra e a sinistra.

Dolore non cercato,
quello delle parole che tolgono dignità,
dell’essere, dolore della violenza subita,
uno schiaffo, un pugno, una cinghiata o una bastonata,
una bugia subita e non capita
che costringe a vagare nel vuoto per anni
convinti di cose contrarie
che come radici ti tengono bloccate al terreno,
non pemettono di prendere il volo
fino a trovare risposta
e metterla a quiete e perdonare.

Amore, di cui non sappiamo nulla,
perchè viviamo amore consumato.
Amore sentito,
amore che da vita ad altro amore
che cresce e si sparge nel mondo senza alcuna direzione.
Pensiamo che l’amore sia dovuto,
pensiamo all’amore meritato,
regolato da leggi di stato che tutto insegna
ma non l’amore
perché alla fine l’amore di stato
toglie la vita a chi l’amore l’ha donato.
E allora rimane quell’altalena
dove si poggia la il pilastro della vita,
da una parte il dolore
dall’altra l’amore, e li al centro
in quel punto di equilibrio tra tutte le cose
alle quali nessuno di noi sa dare un nome,

il punto, interrogativo.

Alla ricerca continua
di felicità effimera e virtuale,
ci spingiamo da una parte all’altra.
Dovremmo fermarci, spogliarci di tutto
godere di quanto ci è stato donato
e allora solo allora, di quel dolore e amore
potremmo dare un significato.

Il mondo cambia se tu cambi

IL MONDO CAMBIA SE TU CAMBI

RIFLESSIONI DI VITA DI UN PRESTIGIATORE:

Mentre pianifico il mio lavoro, scrivo news letter, focalizzo la direzione, mi prendo ogni tanto dei minuti di pausa e guardo il mondo dalla mia finestra. Ci sono argomenti che lasciano basiti, che fanno riflettere: 1) La mamma che denuncia il figlio minorenne di possesso di stupefacenti e questo per la vergogna si suicida 2) Orge Gay con i soldi di Palazzo Chigi: Il direttore della UNAR, Spano, si dimette dopo il servizio delle Iene. La UNAR dovrebbe occuparsi di finanziare con i fondi pubblici  le associazioni culturali, peccato che alcune di esse facevano tutt’altro  con i soldi di noi contribuenti 3) Disabili dimenticati, Il problema dei disservizi per i disabili dove Piff si incazza con Miccichè, un altro di quei personaggi della politica Italiana sui quali ti fai mille domande e l’elenco è lungo, lunghissimo. mentalista illusionistaSi è perso il concetto di Res pubblica, del diritto di noi cittadini di essere tutelati da uno stato che invece, con grande arroganza, fa il comodo suo. Un Paese sano dovrebbe poggiare le sue fondamenta su cultura, sanità, famiglia e lavoro ed invece, al contrario, il tutto del nulla che avanza e arricchisce le tasche di pochi. Populismo? semplicistico? No, è tutto reale ma continuiamo a lamentarci senza fare nulla di concreto. Personalmente ho imparato che con il mio lavoro posso iniziare a far cambiare il pensiero delle persone, anche con piccoli messaggi, e se cambi il pensiero, se questo diventa riflessione, potresti cambiare anche l’atteggiamento delle persone.

mentalista illusionistaOgnuno dovrebbe farlo con la forza di un sorriso, di una parola gentile, con un’azione che non per forza si direziona nell’obiettivo di fottere il prossimo, magari, al contrario, di aiutarla e creare una sana intersezione. Il mondo cambia se tu cambi