Chi sono 2017-05-10T18:35:35+00:00

Il Mago, l’Illusionista,

il Mentalista che ti sorprende.

Stupisci, emoziona, prendi le parole chiave del tuo evento e trasformale in uno spettacolo unico.

Quello che crederai delle semplici coincidenze, si riveleranno veri miracoli.

Gianvito è un ex Pubblicitario e uomo di comunicazione che per 20 anni ha coltivato  la passione per l’arte magica che oggi  miscela sapientemente con le altre due passioni legate alla scrittura e alla musica.  Gianvito è un artista  in grado di proporre spettacoli dove non solo gli oggetti possono prendere vita per un intrattenimento di classe ed eleganza, ma anche le parole chiave dell’azienda committente, di un Team Building o di un percorso motivazionale. Parole che prendono vita, che si sedimentano nei pensieri positivi delle persone, che permettono di far capire al proprio pubblico che la parola impossibile esiste solo nella mente di chi la crea.

Gianvito è un artista che miscela tutte le sue competenze magiche e di comunicazione per comunicare, sperimentare, personalizzare ogni intervento con le tecniche del mentalismo e della prestigiazione, a seconda dei casi.
Un intrattenimento magico unico, una serie di proposte adatte per ogni contesto dove è necessario dare una marcia in più che stimoli curiosità, interesse, che stupisca, meravigli  e diverta all’interno dei vostri eventi ma che sopratutto trasformi delle apparenti coincidenze in veri e propri miracoli
Pensare positivo è il suo modo di affrontare la vita. Se esiste un problema esiste anche una soluzione, basta cambiare le premesse, ricercare l’angolazione giusta ed il divertimento è assicurato.
Per rendere unico un evento, privato o pubblico che sia, gli attori che lo devono rendere speciale devono essere capaci di lavorare in sinergia, devono metterci passione, saper ascoltare le esigenze, essere capaci di proporre alternative valide per creare empatia con il pubblico.

Nulla è impossibile, basta ascoltare, pensare, agire e giocare, dopo tutto le “persone non smettono di giocare perché invecchiano ma invecchiano perché smettono di giocare“. (cit. G.B Shaw)

RICHIEDI UN PREVENTIVO