Alzheimer: solitudine e silenzio

Alzheimer: solitudine e silenzio

Alzheimer e amore

Silenzio,
Rimane solo il silenzio,
ultimo grido di aiuto il silenzio,
inascoltato, che scorre nei pensieri attraversando i sensi.
Silenzio nell’udito che ascolta rumori
che per altri sono silenzio,
la vista che vede cose che prendono vita                                                                                                                  in uno spazio dì una vita rimasta in solitudine e in silenzio.
L’olfatto che rimane in silenzio nell’odore forte e stantio
Che riempe la casa buia
dell’anima sconvolta nella mente
rimasta in solitudine, in silenzio.
Il gusto che niente piú vuole sapere
dei cibi che un tempo cadenzavano
i pasti del giorno ed ora                                                                                                                              rimangono muffa nel frigo, di cibo scaduto che non vedi e non senti.
Rimangono le briciole rubate dai panini isolati, sbriciolati,                                                                            agli angoli dei tavoli dei bar che circondano il perimetro del palazzo
dove in solitudine percorri le tue giornate con il caos
che sovrasta i pensieri
con presenze inesistenti,
che prendono vita solo nei tuoi sensi
Di colpe che assalgono i ricordi,
il silenzio del tatto che nulla vuol sapere
dell’armeggiare in cucina
dove non ci sono piú storie da raccontare
ma solo ricordi da ricordare
nella solitudine di una mente
con i conti da pareggiare.
E nel silenzio rimango a guardare,
E nel silenzio rimango ad ascoltare
storie che si ripetono cicliche nella tua mente e ti vorrei aiutare.
Ma rimane il silenzio
di un figlio che all’angolo della tua vita
puó solo ascoltare il silenzio
da perdonare.